COLONIA e CRIPTA GÜELL

Delle 13 opere di Antoni Gaudí presenti a Barcellona questa è la prima fuori città.
Fuori dai tour tradizionali ma al centro del percorso artistico dell’architetto catalano che grazie all’amico mecenate Eusebi Güell qui ha raccolto tutto il suo ingegno e sperimentazioni.

 

Come arrivare a Colonia e Cripta Güell

INDIRIZZO Carrer Claudi Güell, 6Santa Coloma de Cervelló
METRO / TRENO da Plaça Catalunya L1 ROSSA – fermata PLAÇA D’ESPANYA / da qui prendete la RENFE S3 / S4 / S8 – fermata COLONIA GÜELL 

ATTENZIONE! nel prenotare il ticket di ingresso c’è anche l’opzione con il biglietto della Renfe!!!

AUTO / SCOOTER se avete noleggiato una automobile oppure uno scooter arriverete qui in circa 30 minuti.
Da Plaça Catalunya seguite Ronda de la Universitat e Carrer Sepúlveda in direzione Gran Via de les Cortes Catalanes C-31.
Continua su C-31 e prendere Uscita 195A in direzione di C-245.
Poi prendere l’uscita
607 da A-2.Continua su C-245.
Prendi 
BV-2002 in direzione di Carrer Reixach a La Colònia Güell
[ + Google Maps ]

ORARIO e BIGLIETTI
1/05 – 31/10 LU – VE dalle ore 10:00 alle 19:00
1/05 – 31/10 SA, DO e festivi dalle ore 10:00 alle 15:00
1/11 – 31/04 LU – VE dalle ore 10:00 alle 17:00
1/11 – 31/04 SA, DO e festivi dalle ore 10:00 alle 15:00

CHIUSO 1 e 6 gennaio, 9, 14 e 19 aprile, 25 e 26 dicembre
AUDIOGUIDA in catalano, spagnolo, inglese, francese, tedesco, italiano, giapponese e coreano.

COSA COMPRENDE LA PRENOTAZIONE
Ingresso generale alla Cripta con audioguida + ingresso al Centro de Interpretación e pianta per la visita di Colonia Güell
[ + scarica qui la tua pianta ]

RIDUZIONI per pensionati, anziani, studenti (necessario avere il documento appropriato) e famiglie numerose.
INGRESSO GRATUITO Minori di 10 anni
SCONTO 10% applicato in automatico sul biglietto INGRESSO GENERALE + TRASPORTO

 

Il primo Gaudí fuori Barcellona

Arrivare a Colonia Güell vuol dire voler conoscere e scoprire un Antoni Gaudí completo.
A circa 18 km da Barcellona a pochi chilometri dall’Aeroporto c’è un paese che porta il nome del più importante mecenate gaudiano.
Si chiama Colonia Güell ed al suo interno visiterete un’altra opera incompiuta di Antoni Gaudí: Cripta Güell.

Fondata nel 1890 su iniziativa dell’imprenditore Eusebi Güell, la Colonia fu costruita nella sua proprietà di Can Soler de la Torre a Santa Coloma de Cervelló.
Qui volle impiantare la sua industria tessile creando un contesto urbano a favore di chi fuggiva dai conflitti sociali della città.
La sua nuova industria, dotata della più moderna tecnologia del tempo, fu concepita all’interno di una colonia con le case degli operai a fianco della fabbrica. Un vero e proprio centro urbano, con un suo carattere sociale ed economico.

Eusebi Güell, quale perfetto mecenate culturale, si adoperò per migliorare le condizioni sociali dei lavoratori dando spessore artistico alle nuove costruzioni con un evidente carattere modernista e commissionando opere a diversi architetti di spicco (Francesc Berenguer and Joan Rubió) ed in particolare all’amico Antoni Gaudí per la costruzione di una chiesa.

Il centro culturale, il teatro, la cooperativa d’acquisto, la scuola e la casa per il maestro, gli edifici come Ca l’Ordal e Ca l’Espinal sono opere che ci proietteranno in una dimensione lontana dalla Barcellona dell’Eixample.

Nella Colonia ogni elemento aveva la sua funzione ma la struttura era un modello di società ispirato al cristianesimo sociale dell’epoca.
Quando scoppiò la guerra civile nel 1936, la fabbrica avanzò in forma autogestita.
Anni dopo la famiglia Guell recuperò la proprietà ma nel 1945 la vendette ad un’altra famiglia di industriali.
L’industria tessile chiuse definitivamente nel 1973 a causa della crisi del settore ma Colonia Güell ha preservato negli anni l’atmosfera di un villaggio pacifico e ci regala una passeggiata tra case e villette potendo rievocare lo sforzo e l’abilità degli uomini e delle donne che l’hanno vissuto.

 

La Cripta Güell, una chiesa per gli operai

Fondando la Colonia, Eusebi Güell ritenne fondamentale offrire agli operai uno spazio per il culto religioso.
All’interno della fattoria Can Soler de la Torre, la residenza estiva della famiglia Güell, all’interno della Colonia, vi era una cappella.
Tuttavia risultò piccola per tutti gli operai e le famiglie. Così l’industriale commissionò una nuova chiesa al suo architetto di fiducia: Antoni Gaudí.

Negli ultimi vent’anni l’amicizia tra il mecenate e l’architetto ha permesso la costruzione di opere significative come Finca Güell o Palau Güell.

Gaudí scelse una piccola collina dominante la colonia. Così facendo la chiesa era uno dei tre vertici di un triangolo (gli altri due sono la fabbrica e la scuola).
All’interno di questa massonica figura geometrica oltre 150 case e strutture sociali molte delle quali realizzate dagli architetti Francesc Berenguer e Joan Rubió, collaboratori di Gaudí

Dono alcuni anni di studio il 4 ottobre 1908 Gaudí iniziò a costruire la chiesa.
Tuttavia l’ambizioso progetto che prevedeva la chiesa a due navate, una superiore e l’altra inferiore, terminata in diverse torri e ciborio, rimase incompiuta, lasciando solo la navata inferiore finita, che viene comunemente chiamata cripta.

Cripta Güell, la prima opera incompiuta di Antoni Gaudí

Nell’ottobre 1914 Antoni Gaudí abbandona il progetto della chiesa prevista per la Colonia.
Tutt’ora i motivi sono oscuri ma possiamo concludere che il periodo di conflitti nel mondo operaio e il crescente anticlericalismo siano state le ragioni per la quale la famiglia Güell non abbia più voluto finanziare l’opera.

L’architetto di fatto si ritira a Barcellona all’interno del cantiere della Sagrada Familia e le torri progettate per la chieda della Colonia, che avrebbero avuto una altezza di circa 40 metri, le ritroveremo nel monumento simbolo di Barcellona.
Un progetto nel quale applicherà gran parte degli studi architettonici introdotti nella chiesa che popolarmente viene chiamata cripta, consacrata dal vescovo di Barcellona nel 1915.
Successivamente, tra il 1916 e il 1917, la navata superiore incompiuta fu chiusa con muri di mattoni e ricoperta di fibrocemento.

Ma come fece Gaudí a progettare quelle torri così alte?

Per realizzare il progetto delle torri previste per la chiesa, con una altezza di circa 40 metri, Gaudí inventò il primo autocad 3D della storia.
Un modello aerostatico, una versione virtuale invertita del progetto.

Su di una tavola di legno l’architetto disegnò la pianta del tempio.
Nei punti corrispondenti le colonne o all’incrocio delle pareti egli appese delle corde e successivamente aggiunse dei sacchi di pallini proporzionati al peso reale, generando le curve degli archi corrispondenti.
Definita la struttura veniva ricoperta di carta fine per ottenere il volume delle volte e la visione delle pareti per poi realizzare fotografie sulle quali Gaudí avrebbe disegnato gli schizzi del progetto finale.

VISITIAMO INSIEME LA CRIPTA GUELL

 

Avete voglia di visitare la Cripta Güell che ha anticipato la Sagrada Familia?

ORARIO e BIGLIETTI
1/05 – 31/10 LU – VE dalle ore 10:00 alle 19:00
1/05 – 31/10 SA, DO e festivi dalle ore 10:00 alle 15:00
1/11 – 31/04 LU – VE dalle ore 10:00 alle 17:00
1/11 – 31/04 SA, DO e festivi dalle ore 10:00 alle 15:00

CHIUSO 1 e 6 gennaio, 9, 14 e 19 aprile, 25 e 26 dicembre
AUDIOGUIDA in catalano, spagnolo, inglese, francese, tedesco, italiano, giapponese e coreano.

COSA COMPRENDE LA PRENOTAZIONE
Ingresso generale alla Cripta con audioguida + ingresso al Centro de Interpretación e pianta per la visita di Colonia Güell
[ + scarica qui la tua pianta ]

RIDUZIONI per pensionati, anziani, studenti (necessario avere il documento appropriato) e famiglie numerose.
INGRESSO GRATUITO Minori di 10 anni
SCONTO 10% applicato in automatico sul biglietto INGRESSO GENERALE + TRASPORTO